Ligabue / IL RUMORE DEI BACI A VUOTO

Una casa che non si può vendere, perché è la casa della propria infanzia ed è piena del ricordo dei genitori, presissimi a inchiodare mensole su ogni centimetro di muro disponibile o a convincersi che basta una pianta di limone sul balcone per poter dire di avere una serra. Un medico trentenne che passa la notte su un divano-letto, a parlare a una ragazza addormentata che ha appena conosciuto. Una signora che all’improvviso confessa al marito che non è lui il padre dei ragazzi che ha cresciuto, e un uomo che si ritrova prigioniero di un carnefice silenzioso e disperato. Una coppia che va al mare in novembre per festeggiare quattro mesi insieme e finisce per comprimere una settimana di vacanza in un unico giorno pieno di domande troppo precise e di formiche da scacciare dalle lenzuola. Sono alcuni dei protagonisti di questa raccolta con cui Luciano Ligabue torna al suo primo amore letterario: il racconto. Amici, ferie disastrose, figli, semafori rossi, bugie, giornate sorprendenti, prove di coraggio, artisti reclusi, carcerati che provano a ridere, coppie che si perdono e che si ritrovano…

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...