Einaudi: gli uomini e le idee

Perché i Verbali delle riunioni editoriali del mercoledì sono una testinomianza fondamentale della cultura e della crescita civile dell’Italia.

Quali furono le innovazioni in campo editoriale introdotte dell’Einaudi? Chi furono i protagonisti di una delle più importanti esperienze culturali italiane? Luisa Mangoni racconta i grandi uomini e le grandi idee che ne sancirono il successo: dalla nascita della casa editrice nel 1933, grazie all’impegno dei giovanissimi Giulio Einaudi, Leone Ginzburg e Cesare Pavese (legati da un forte senso della tradizione italiana e da una grande attenzione per la cultura classica straniera), al successo dei libri di narratori stranieri tradotti, fino all’incontro decisivo con Elio Vittorini nel dopoguerra.

Fuori Collana
pp. LXVIII – 536
€ 40,00
A cura di Tommaso Munari e Luisa Mangoni

Quando ormai anche le stagioni sembrano aver perso la loro naturale cadenza, a ritmare il passaggio del tempo, sopravvivono, implacabili e a regolari intervalli, le polemiche sulla casa editrice Einaudi.
L’occasione può variare. Si tratti di Delio Cantimori consulente della casa editrice; dell’iniziale rifiuto di Se questo è un uomo di Primo Levi; di Renato Poggioli collaboratore non difeso dagli attacchi di parte comunista; di Pavese e del suo Taccuino; della soggezione nei riguardi del Pci; dei modi con cui venne acquisita alla sinistra una egemonia sulla cultura italiana; fin della personalità e «megalomania» di Giulio Einaudi: quello che in ogni caso si può dire è che ciò che l’Einaudi fu, continua ad essere un tarlo di cui uomini e organismi culturali, spesso di minor rilievo, non riescono a liberarsi. La domanda sottintesa è sempre la stessa: perché? e, come?
La pubblicazione di questi verbali, curati con attenzione e competenza da Tommaso Munari, non potrà dare una risposta esauriente, ma vuole almeno essere un invito alla riflessione su quel «metodo Einaudi» che le riunioni del mercoledì contribuirono non poco, da un certo momento in poi, a caratterizzare. Come al solito, i documenti si propongono di far luce sui fatti e di disintossicare l’atmosfera; come sempre, i documenti vengono incontro solo in parte, e a volte in parte ridotta, alle discordanti aspettative in essi riposte.

dalla prefazione di Luisa Mangoni

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...